IL 27 SETTEMBRE C’ERO ANCH’IO

Insieme a migliaia di studenti di diversa età provenienti dal capoluogo e dai suoi dintorni, scesi in piazza – anzi per le strade di Bari – il 27 settembre, per il FRIDAY FOR FUTURE, c’ero anch’io, pronto a testimoniare per il nostro webgiornale il successo della manifestazione.

Il “FRIDAY FOR FUTURE”, noto anche come “SCIOPERO SCOLASTICO PER IL CLIMA” è un movimento internazionale composto da alunni e studenti che, ogni venerdì, non frequentano le lezioni scolastiche per partecipare a manifestazioni in cui si chiedono azioni per prevenire il riscaldamento globale ed i cambiamenti climatici, rivendicando la volontà di preservare le condizioni della Terra per il loro futuro.

L’inizio delle proteste e la conseguente nascita del Movimento ha avuto inizio quando un’adolescente svedese, Greta Thumberg, il 20 agosto 2018 ha realizzato la prima azione di protesta fuori dal Parlamento Svedese. In un anno si è creato un movimento mondiale che ha coinvolto gli studenti di oltre 100 paesi.

La manifestazione del 27 settembre è cominciata alle 09,30 davanti al Teatro Petruzzelli ed il corteo ha poi attraversato vari quartieri cittadini: dal centro cittadino passando per il sottopasso di S. Antonio siamo arrivati alla ex Fibronit, una vecchia fabbrica in cui si manipolava amianto. Successivamente, dal ponte di S. Pio, passando per Viale della Costituente il corteo è giunto al Parco 2 Giugno dove la manifestazione si è conclusa.

Lungo tutto il corteo si potevano vedere cartelloni di tutti i tipi, dai più seri, come quello qui sotto

CARTELLONE CHE INCITA A DIVENTARE VEGANI

ai più ironici come questo.

SAVE THE PLANET IS THE ONLY WITH PIZZA

Poco dopo la partenza dal teatro, si sono sentite urla ed applausi, in un primo momento nessuno ha capito cosa stesse succedendo, finché non si è sparsa la voce che anche il Sindaco De Caro aveva voluto percorrere un tratto di strada insieme ai ragazzi. Solo per alcuni minuti la folla si è eccitata, poi tutto è tornato alla normalità.

Arrivati al Parco 2 Giugno i ragazzi più grandi hanno lanciato un hashtag in vernacolo barese: “STACITTÀAVACANGIÀ” (QUESTA CITTÀ DEVE CAMBIARE) ed hanno letto un documento, nato dal confronto con esperti e con la cittadinanza nel corso di assemblee pubbliche, contenente varie proposte finalizzate ad una migliore gestione dei rifiuti, dell’energia, del verde pubblico e la richiesta di inserimento dell’educazione ambientale nella scuola. Il documento è stato poi consegnato al Sindaco.

In questo modo si è conclusa la manifestazione “FRIDAY FOR FUTURE” a cui hanno partecipato studenti provenienti dalla maggior parte delle scuole di Bari di ogni ordine e grado.

A questo proposito c’è da rilevare che nella nostra scuola questo evento è rimasto sotto tono. Forse siamo ritenuti piccoli ? Immaturi? Perché altre scuole medie hanno partecipato con rappresentanze “ufficiali”? Sarebbe stato molto utile avere la possibilità di organizzarci con i nostri professori per partecipare alla manifestazione e far sentire la nostra voce come tutti.

Federico Biffi

Un pensiero riguardo “IL 27 SETTEMBRE C’ERO ANCH’IO

  • 7 Ottobre 2019 in 21:33
    Permalink

    Bravo Federico, attento osservatore e sensibile attore di questo periodo storico ambientale.
    La scuola non urla slogan, la scuola accompagna i minori a crescere, a camminare sulle proprie idee e a farne bandiera. In ogni luogo: nell’aula, a casa e perché no anche in un corteo.
    Non tutti sono ancora pronti, ma per fortuna c’è la collaborazione della famiglia.

Lascia un commento